Io amo Montersino (non è una dichiarazione d’amore romantico !!!!) perché  i suoi metodi e le sue ricette le trovo favolosi e , per una come me che ama cucinare, rappresenta l’ABC della cucina : cosa darei per stare anche un solo giorno insieme a lui nella sua cucina!!!!

 Alcuni degli ingredienti che usa, però,  e non me ne voglia il mio mito , li sostituisco,ad esempio il maltitolo (con lo zucchero anche se non è proprio la stessa  cosa) perché per noi è altamente lassativo!
 
 Montersino ha dei modi di spiegare chiarissimi è quasi impossibile non capire le sue ricette, quando ne leggo una ( e vi assicuro lo faccio ogni volta) immagino sempre di averlo a fianco a me per potergli fare mille domande!
Spesso mi ritrovo ad applicare i suoi metodi anche ad altre preparazioni e sono sempre infallibili , per me lui è un grande!

 Io e Monica alcuni procedimenti di cucina , li chiamiamo “metodo montersino”.

Per queste iris ho seguito tutta la ricetta” pari pari” tranne che per  le dosi in quanto enormi ( anche se sono certa che il mio condominio le avrebbe mangiate  lo stesso !) le ho divise per 4 (rispetto alle dosi della ricetta) e ne sono venuti un trentina di pezzi.

 E, inutile dire che sono buonissime anche se la mia foto non rende loro giustizia  , che sono comode da preparare in quanto la prima parte della ricetta si può tranquillamente congelare. 

Per la pasta brioche
g 450 di farina 
100 g latte intero
2 tuorli
2 uova intere
100 g di lievito madre
10 g di lievito di birra
15 g latte in polvere
10 g di malto in polvere
30 g di zucchero
100 g di burro
10 g di sale
 Ingredienti per il ripieno:
200 g di pomodori pachino
1 spicchio di aglio
40 g di olio di oliva
100 g di mozzarella
basilico q b
Per la finitura
2 uova intere
pangrattato q b

Per la pasta brioche :

Ho messo nella planetaria tutte le polveri (farina,malto e latte) ho versato il lievito sciolto in un poco di latte con lo zucchero ed ho impastato aggiungendo i tuorli e le uova. Ho impastato finché non ho ottenuto una pasta liscia ed elastica. Poi ho aggiunto il burro ed il sale ed ho continuato ad impastare per alcuni minuti ancora (il tempo per incorporare il burro ed il sale).
Ho lasciato riposare l’impasto per circa 30 minuti. 
Dopodiché ho steso l’impasto nello spessore di circa 1 centimetro poi ho tagliato dei quadratini di 3,5 per lato, li ho messi nelle teglie e li ho fatte lievitare fino al raddoppio.
Li ho cotte nel forno a 200° fino a renderli dorati.
Una volta freddi con un coltellino ho inciso dei dischetti, che conservo, dal fondo delle brioche ed ho eliminato la mollica.

A questo punto le posso congelare e continuare la preparazione quando le dovrò consumare
 
Per il ripieno ho preparato una salsa soffriggendo l’olio e l’aglio, poi ho aggiunto i pomodorini tagliati a metà, ho fatto cuocere per 5 minuti ed ho insaporito con basilico e sale.

Per la finitura
Ho riempito le brioche con la mozzarella, precedentemente tagliata a dadini e la salsa. Ho chiuso con il dischetto di pasta brioche , che avevo tenuto da parte. Le ho passate nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato,questa operazione deve essere fatta due volte.
Le ho fritte e servite calde.

Sono arcibuoneeeeeee!

Ciao Patrizia

 

26 comments on “Iris si …ma salate”

  1. Ciao Patrizia 🙂 Sai quanto amo Montersino, ne abbiamo parlato, è un grande Maestro! Spero proprio di poter fare presto un corso con lui, magari insieme a te e Monica e con le altre gallinelle, sarebbe bellissimo! 😀 Non ho mai provato queste brioche e adesso mi hai incuriosito tanto, poi salate! Chissà che buone!!! Complimenti e un abbraccio forte, buona settimana 🙂 <3

  2. Ciao ragazze!! Mentre leggevo , mi sembrava di addentarne una, desiderio irresistibile !!! Domani sera le preparo e ci abbino anche una salsina al basilico!! Graziee!! P.s Ho avuto il piacere di incontrare Montersino durante una sua presentazione, sembra davvero una persona speciale ..

    • Paola dolci wuauuuuu che libidine io ho avuto la fortuna di mangiarle in Sicilia , non ricordo quante ne ho mangiate perche sono eccezionali! Non so perché si chiamano Iris , mi informo!
      buona giornata

  3. Ciao Patriziaaaaaaaa non me ne volere ma non conosco questo signore Montersino…..ma incompenso conosco te che ci proponi ottime ricette sia dolci che salate ^_^ !!!!!!!!!
    Bravissima !!!!!!!!!!!
    P.S. ho accettato la tua richiesta su fb ^_^
    bacioni
    Nunzia

  4. Ma sai che io non Montersino ho un rapporto di amore- odio. Sono sicura di aver preso il libro sbagliato di Montersino, pieno di zucchero invertito, maltitolo, sciroppo di zucchero e altro che sinceramente non mi sconfinferano molto. Sentendovi parlare però mi avete messo voglia di recuperare l'immagine che avevo di lui legata alle puntate di Peccati di gola che vedevo su Alice TV. Ragion per cui dovrò rifarmi 🙂 Intanto ammiro le vostre iris, che sono davvero invitanti. Chissà quelle dolci come sono..

  5. un corso con il maestro è anche il mio sogno…chissà magari un giorno ! comunque hai ragione le sue dosi sono megagalattiche anche io le riduco sempre, ma sai che questi iris non li conoscevo l? li devo provare !
    baci
    Alice

  6. Anch'io adoro Luca Montersino e spesso ripropongo sue creazioni dolci. Stupenda la tua ricetta salata, complimenti. Se passi da me ci sono ben due sorprese per te, spero le gradirai . Baci, a presto,

  7. J'adoreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee, sono salati??????????? Che favola! Io trovo che Montersino sia davvero bravissimo ho qualche suo libro ma è talmente perfetto che ho paura di fare cilecca…..
    Un bacione cara!

  8. Ciao adoro Montersino e da lui ho imparato un sacco di cose! Certo le dosi nelle sue ricette sono veramente mega, ma ormai lo so e aggiro l'ostacolo. In compenso qualsiasi ricetta provo delle sue so che mi riesce sempre e questo è davvero fantastico! Bellissime queste iris, complimenti! Un abbraccio
    Paola

  9. Ciao Patrizia, la penso esattamente come te su Montersino, si spiega così bene che diventa difficile sbagliare,
    e si vede dal tuo risultato, bravissima!!!
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *