Chi mi conosce sa bene che tra me ed i legumi non c’é molto feeling, non perché non mi piacciono, anzi al contrario, ma ogni volta che li devo cucinare mi devo concentrare come se dovessi preparare il “pranzo di Babette“. Sì, ho un po’ di difficoltà: non riesco a regolarmi sull’intensità della fiamma: o troppo alta, e quindi bollono molto, o troppo bassa e si ferma la bollitura, o metto troppa acqua… insomma quelle poche volte che la cottura mi soddisfa stappo una bottiglia di prosecco e festeggio!!! Infatti a casa mia non si mangiano mai quei bei piatti di pasta e fagioli, fagioli e cozze…
In famiglia abbiamo un comandante (non sempre è presente perché lavora sull’acqua salata) che fa una pasta e fagioli buonissima!!! Se volete la sua ricetta lo possiamo coinvolgere, sono sicura sarà ben lieto di svelarci i suoi segreti!
Ma torniamo ai miei fagioli 

Li ho comprati a Bassano del Grappa (dove ho ceduto anche alle tentazioni della grappa!!!) Questo tipo di legume si chiama” Fagioli del Papa” e la persona che me  li ha venduti, gentilissima, mi ha spiegato come cucinarli (probabilmente ha capito subito che tipo di rapporto ho io con i legumi), ho seguito alla lettera i suoi suggerimenti ed “udite udite” sono venuti buonissimi!


Non hanno bisogno di ammollo e si cuociono come dei semplici legumi.

Ho lessato i fagioli nell’acqua (abbondante) a metà cottura (considerando quindi che cuociono per circa 3 ore) ho messo 1 foglia di alloro, una carota ed una costola di sedano. 
Appena cotti (la prova assaggio è la migliore)  li ho impiattati e serviti con dei crostini di pane! 

Quelli avanzati li ho fatti anche con la pasta il giorno dopo ed anche così sono buonissimi.
Ciao Patrizia
  
  

6 comments on “Zuppa di fagioli del Papa”

  1. ciao patrizia, grazie dei tuoi complimenti e per esserti unita…mi ha fatto molto piacere! da oggi ti seguo anch'io e spero continuerai a scrivermi! grazie di cuore! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *