A tavola mi piace che ci sia armonia, nei gesti, nelle intenzioni, nelle scelte e per questo cerco sempre di accontentare i gusti di chi si siede intorno a me, ci riesco con tutti tranne che con il mio maritino (critico gourmet).
Quando porto qualcosa a tavola, non dice “non mi piace” ma solo “non lo preferisco” ed è una frase che usa spesso anche se si trova davanti qualcosa che non ha mai assaggiato, per questo è il mio commensale più difficile da accontentare!
Parliamo, ad esempio di carote, le adoro, le cucinerei spessissimo, ma mi limito nel farle perché probabilmente le mangerei solo io, lui “non le preferisce”!!!!
Con questa ricetta ho risolto il dilemma, la realizzazione di questa “patè a patè” di verdure mi sembra salomonica ed accontenta tutti.

Ingredienti per 6 persone
340 gr di burro
430 gr di farina
220 di fecola
15 gr sale
3 uova
90 gr acqua
1 cc di zucchero
150 gr patate (circa 3 medie )
Ho preparato la “patè a patè” di base miscelando la farina con la fecola ed il burro insieme; con le dita, anzi, con la punta delle dita ho strofinato gli ingredienti fino ad ottenere una consistenza sabbiosa; ho aggiunto il sale, l’acqua, le uova e lo zucchero, velocemente ho impastato fino a che si sono amalgamati tutti gli ingredienti e formato un panetto liscio che ho lasciato riposare al fresco per almeno 2 ore; in genere la pasta la  preparo la sera per poi utilizzarla la mattina.
Tolta dal frigo l’ho stesa  in una teglia e, dopo averla  ricoperta con  un foglio di carta da forno, ho sistemato su tutta la superficie delle speciali palline di argilla che hanno il compito di non fare sollevare la pasta nella cottura e l’ho cotta in forno a 180°C per 15 min circa.

Nel frattempo ho lessato le patate in acqua fredda e salata, dopo circa 40 min dal bollore ho spento e le ho spellate e passate ancora calde nello schiacciapatate.

Le verdure le ho prima sbianchite e poi passate in padella in olio appena saltate in modo da lasciarle croccanti, nella ricetta non ho messo le quantità perché in realtà ho utilizzato delle rimanenze che avevo in  frigorifero.
Nella preparazione della fotografia ci sono: fagioli, zucchine, pomodori e cipolle arrostite, le mie carote, cime di rapa, piselli, ma volendo si possono utilizzare rimanenze di carne alla genovese o di formaggi su base di crem royal  insomma si può dare largo spazio alla fantasia ed alla convenienza….

Riprendendo il filo, sulla base quindi cotta ho steso un velo di bechamelle ed ho utilizzato il purè di patate preparato e messo in una sachepoche per fare dei ciuffetti a demarcare i vari “settori” e qualche bacca di pepe rosa per dare un tocco di colore, ho adagiato le varie verdure e ripassata  in 180°C per circa 10 min.

E’ ottima sia tiepida che fredda.

ciao Patrizia

6 comments on “Crostata di Verdure”

  1. Per cominciare ciao, sono capitata sul blog per caso ed è proprio carino così ho provato a fare la tua crostata ma mi si è rotta!!!Sono stata attenta a toglierla dalla teglia ma ho sbeccato un angolo aiuto tu come hai fatto ??? grazie(cmq ci riproverò)il sapèore vale lo sforzo!!!!ciao Walkiria

    • Si hai ragione ci vuole un pò di pazienza, prova anche a raffreddarla un pò di più.Oppure puoi farlo nei coppapasta che, non avendo fondo, si tolgono facilmente. Però il problema è trovarli quadrati !!!So che esiste un artigiano a Napoli (nei pressi dell'ospedale Annunziata) che lavora l'alluminio nelle forme e misure che vuoi. Sto pensando di andarci perchè ritengo che tagliare una torta , salata o dolce, nelle forme quadrate o rettangolari è più di effetto.
      Se sei interessata anche tu scrivimi e ti terrò aggiornata!
      Grazie e buona cucina!
      Patrizia

  2. Grazie a te!sabato vado ad una cena a casa di amici e proverò a rifarla seguendo i tuoi accorgimenti ti faccio sapere…a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *